un lavoratore è morto mentre lottava

Un lavoratore è morto mentre lottava per diritti e la dignità

Il COBAS della Regione Toscana esprime grande dolore per la morte di Abd Elsalam Ahmed Eldanf di 53 anni, che lavorava come facchino per la Seam azienda di logistica in appalto della GLS.

Abd è stato travolto da un camion durante una manifestazione di lotta per diritti e salario presso il magazzino GLS di Piacenza. Pur non essendo precario lottava contro la precarietà e per il rispetto degli accordi sottoscritti. Morire perché si lotta non solo per i propri diritti ma per quelli di tutti i lavoratori è di una gravità assoluta. Registra una società imbarbarita che sta tornando indietro.

Secondo la ricostruzione di un sindacalista USB il conducente del camion è stato incitato a forzare il picchetto da un addetto vicino all’azienda “gli urlavano parti! Vai! E quello è partito investendo il nostro aderente”.

Ieri 15 settembre alle 18 abbiamo partecipato ad un presidio di protesta in viale Spartaco Lavagnini di fronte all’ispettorato del lavoro.

Negli Interporti delle nostre città, in tanti magazzini sparsi nelle periferie manca il rispetto della dignità e dei diritti del lavoro: lo sfruttamento è altissimo. La novità è che sono in corso molte lotte nel settore della logistica che ottengono vittorie e proprio per questo sono temute dai datori di lavoro che cercano di ostacolarle con i soliti metodi.

Che uniti si vinca è ovvio, non altrettanto ovvio è che i lavoratori lo capiscano. Eppure in un settore e in condizioni in cui la lotta è più difficile Abd stava dando il suo contributo per un mondo migliore per tutti, un mondo dove i lavoratori abbiano dignità e diritti.

La morte come conseguenza della lotta per la dignità e i diritti dei lavoratori non è accettabile, tutti devono rendersene conto e devono trarne conseguenze. Tutti devono fare sì che questo assassinio non sia dimenticato. I responsabili devono pagare: per dignità, non per odio.

Un abbraccio a Abd Elsalam Ahmed Eldanf e alla sua famiglia.

Cobas Regione Toscana

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...