REGIONE TOSCANA: STATO DI AGITAZIONE PROCLAMATO DALLA RSU

Stato di agitazione proclamato unitariamente dalla RSU

Mentre come RSU proseguiamo il nostro percorso di assemblee dei lavoratori (tutte molto partecipate) per presentare la piattaforma unitaria e abbiamo proclamato lo stato di agitazione a causa del vergognoso comportamento dell’amministrazione che non ci vuole dare quello di cui abbiamo diritto, sulla Intranet è apparsa l’informazione che sono aperte le iscrizioni all’iniziativa formativa Promozione del benessere lavorativo di cui il primo beneficiario è la solita….Ernst & Young Business School Srl (capogruppo) e KPMG Advisory S.p.A.

Visto che siamo stati costretti ad indire come RSU lo stato di agitazione perché l’amministrazione non ha accolto la nostra piattaforma, la proposta di questo corso suona particolarmente inaccettabile.

Come, non ci dai quello che ci spetta e vuoi che sopporti sorridendo lo stress che provochi?

Dal programma veniamo a sapere che oltre alla noiosissima presentazione dei risultati della valutazione e della solita indagine di clima (clima che rimane pessimo), verrà trattato lo stress legato al lavoro e poi verranno somministrate indigeste pillole di ascolto attivo, comunicazione efficace, gestione del conflitto.

Noi la vediamo così:

– BASTA STRESSARCI CON LA PESSIMA ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO CHE NON TIENE CONTO DEL NOSTRO PUNTO DI VISTA DI LAVORATORI
– PRESIDENTE, GIUNTA E DELEGAZIONE TRATTANTE IMPARINO AD ASCOLTARE ATTIVAMENTE I LAVORATORI INVECE DI PARLARE SOLO CON LA GERARCHIA

– QUANTO A COMUNICAZIONE EFFICACE, BASTA CON LO STUCCHEVOLE RIPETERE CHE SONO I MIGLIORI, CI VUOLE UN PO’ DI UMILTÀ PER CAPIRE CHE I NOSTRI UFFICI POTREBBERO FUNZIONARE MOLTO MEGLIO

– QUANTO INFINE ALLA GESTIONE DEL CONFLITTO ABBIAMO CAPITO CHE CI SONO DEI RAPPORTI DI FORZA ED È ARRIVATA L’ORA DI ESPRIMERE LA NOSTRA DI FORZA

SVEGLIA AMMINISTRAZIONE!

Promuovere il benessere lavorativo è molto semplice: si pagano bene i lavoratori, li si valorizzano, non si creano strutture gerarchiche che non sono in grado di organizzare il lavoro perché non sono state scelte perché sono capaci a farlo, ma per altre imperscrutabili ragioni.

La vera e sola azione anti stress è partecipare all’assemblea presidio del 25 novembre e pretendere che tirino fuori i soldi che vorrebbero tenere tutti per sé.

Il 25 novembre dalle 10 alle 12 la RSU ha indetto una assemblea presidio presso il Consiglio regionale dove, quel giorno, si troveranno anche presidente e giunta. Sarà una iniziativa di protesta a cui tutti i lavoratori dovranno partecipare se intendono ottenere quello che chiediamo con la piattaforma.

Attraverso la nostra presenza faremo capire al presidente, alla giunta e alla delegazione trattante che pretendiamo di vedere riconosciuto il nostro lavoro attraverso una retribuzione proporzionata alla sua qualità (art.36 Costituzione).

PS Non si capisce perché la delegazione trattante, presidente e assessori guadagnino circa 5 – 6 volte quello che guadagniamo noi. Misteri della fede.

Marvi Maggio – Cobas Regione Toscana

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...